Giulio Regeni e gli italiani in Egitto che denunciano il regime (Italian translation)

Share

Published in Italy’s Internazionale magazine. Originally published in Mada Masr (in English).

 

Tra il deserto immobile che “incessantemente si consuma” e il mare perpetuo che “manifesta furiosamente il rinnovamento” si è formata la “mia prima visione della realtà”.

Sono le parole di Giuseppe Ungaretti, poeta italiano nato ad Alessandria. Le scrisse nell’Egitto degli anni trenta. Oggi nel paese è presente una comunità transnazionale sempre più numerosa, emersa all’ombra delle rivolte arabe, soprattutto dopo la rivoluzione egiziana. Questa comunità si colloca tra un’Europa vuota di ideologie e in preda all’austerità e un Medio Oriente politicamente spietato e radicale. Ma chi sono, e qual è la loro “visione della realtà”?

Gli italiani transitati in Egitto negli ultimi anni illustrano bene le caratteristiche di questa comunità che con le sue idee supera le nazionalità e i rapporti geopolitici.

L’orribile morte di Giulio Regeni, il dottorando italiano torturato e assassinato mentre si trovava in Egitto per fare ricerca sul sindacato, ci impone di osservare più da vicino i saperi prodotti da queste persone sullo sfondo di rapporti storici, politici e sociali spesso tesi da un capo all’altro del Mediterraneo.

“La ribellione era necessaria nell’Europa delle politiche di austerità, e l’atto di ribellione stava accadendo in Egitto. L’Egitto ci stava ispirando a sfidare la nostra realtà”, mi ha detto Lucia Sorbera, una storica e femminista italiana di Pisa che per molti anni ha fatto ricerca in Egitto.

Prima delle rivolte arabe nel 2011, l’interesse degli attivisti italiani in Medio Oriente si è concentrato soprattutto sulla lotta palestinese. Dopo le rivolte però, dopo che piazza Tahrir ha esportato una forma di protesta spettacolare, tanti intellettuali italiani hanno cominciato a preoccuparsi dei paesi a sud del Mediterraneo, soprattutto l’Egitto. Nel giro di poco tempo i nomi di rivoluzionari egiziani come Alaa Abd El Fattah e Mina Daniel hanno cominciato a circolare nelle università italiane e tra le comunità di attivisti.

Click here to keep on reading

(34 views)